Quando una catfight su Twitter diventa strumento di promozione culturale