Errare è umano, ma non sui social: l’infallibilità del Community Manager