DESIGN: Quando il soprammobile kitsch diventa nerd