GENIO: il MET fa ballare anche le statue